Italia England Russia
Alce Novara
Lattasi

Lattasi

Circa il 5% del latte dei mammiferi è costituito da lattosio, disaccaride composto da glucosio e galattosio. Per il suo elevato valore nutritivo il lattosio del latte materno rappresenta per neonati e lattanti la principale fonte di sostentamento. Viene assorbito a livello intestinale previa idrolisi in glucosio e galattosio operata dall’enzima lattasi (β-Galattosidasi) prodotta sulla sommità dei villi dell’intestino tenue.

La produzione della lattasi è molto attiva durante le prime fasi della nostra vita, momento in cui l’alimentazione è esclusivamente composta da latte; successivamente, quando la nostra dieta diviene via via più varia, la quantità di lattasi prodotta diminuisce progressivamente. Quando la produzione di enzima diventa insufficiente, generalmente dopo i 2 anni di età, parte del lattosio ingerito non può essere assorbito nel tenue, arriva nell’intestino crasso dove viene fermentato da diversi gruppi batterici con produzione di acidi organici e gas. I sintomi compaiono di norma da 30 minuti a 2 ore dopo l’ingestione di lattosio. Si stima che occorrano più di 240 ml di latte al giorno (12 grammi di lattosio) per causare sintomi in soggetti con carenza di lattasi. L’eccesso di gas provoca gonfiore, tensione addominale, flatulenza, meteorismo, crampi addominali e diarrea.

Premesso che l’intolleranza al lattosio è innata con l’uomo e che i disturbi in generale sono modesti ed assolutamente gestibili con una dieta equilibrata, nei pochi casi gravi è fondamentale un'alimentazione a ridotto contenuto di lattosio, tenendo presente che la soglia di tolleranza varia da soggetto a soggetto.

La tecnologia aiuta a ridurre e/o ad eliminare quasi completamente il lattosio dal latte e suoi derivati rendendo questi alimenti disponibili anche per quella parte di popolazione afflitta da questo disturbo.

Facendo agire l’enzima lattasi nel latte in determinate condizioni di tempo, temperatura e pH si realizza praticamente la reazione che naturalmente avviene nell’intestino tenue: l’enzima idrolizza il lattosio con formazione di glucosio e galattosio che, a differenza del lattosio, saranno assorbiti senza problemi nell’intestino tenue.

Alce commercializza DELACT (β-galattosidasi) in forma liquida prodotto per fermentazione del lievito Kluyveromyces lactis.

 

    Lattasi
    Prodotti privi di lattosio
    backBACK